CULTURAL HERITAGE

Questa mattina di buona lena mi sono messa a compilare l’application form per una borsa di studio negli stati uniti. Avevo tutte le caratteristiche richieste. La scadenza è domani, 25 settembre, e malgrado la fatica che avrei dovuto fare per riuscire a tradurre tutti lavori, pagine di presentazione e quelle di motivazione, sapevo di potercela fare.

Prima di cominciare ho letto ogni singolo dettaglio richiesto per la compilazione. Si sa come sono questi americani, basta una virgola e ti cestinano. Volevo evitare di fare una fatica per niente. E proprio nell’ultima paginetta ho notato una richiesta che mi ha lasciato totalmente spiazzata. L’ultimo campo da riempire era: CULTURAL HERITAGE.

Lì ho dovuto bloccarmi.

Mi sono messa a pensare seriamente cosa avessero voluto intendere con quella domanda. Volevano veramente sapere che mio padre in pensione, era stato maestro al convitto nazionale “Amedeo di Savoia” e mia madre, non ancora in pensione, è tuttora una casalinga? Oppure che mio nonno un arzillo vecchietto, contadino dalla nascita, quando andava al mercato per vednere la frutta, teneva i conti in due tasche separate. Perché non sapendo né contare né scrivere, doveva tenere in una tasca i foglietti con su “scritto” i soldi da dare e nell’altra quelli con i soldi da ricevere, per non confondersi con le consegne? O forse volevano sapere che mia nonna andavo ogni anno in vacanza a Lourdes e a noi nipotine portava sempre un po’ d’acqua benedetta? Oppure che aveva nell’armadio un grandissimo rotolo di quella carta gialla, premio forse della lunga fedeltà lavorativa nelle cartiere dell’acqua marcia, e con quella carta, all’inizio di ogni anno scolastico mi foderava i libri? E comunque, come avrei dovuto argomentare il mio cultural heritage e farlo diventare una paragrafo di 5 righe?

 

Ci ho pensato per un po’, poi ho deciso che per quest’anno non era cosa e mi sono data alla cucina. Certi giorni mi aiuta per riordinare il mondo intorno e dentro di me.

Ho fatto la spesa, sistemato dispensa e armadio e preparato una torta rustica agli spinaci. Adesso la torta è nel forno, profuma meravigliosamente e penso ancora che si! avevo proprio tutte le caratteristiche per ottenere quella borsa.

Annunci
Explore posts in the same categories: constatazioni, vita

Tag:

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

One Comment su “CULTURAL HERITAGE”

  1. marco Says:

    mi ritrovo con molti ricordi
    non ho capito rebecca miller, ma apprezzo la citaz. :mi sta arrivando il suo pippa lee da recensire.brava,cmnq,ti dai da fare.auguri


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: